Tag Archives: polemica

Quando sei una Mamma giovane

19 Nov

Quando sei una Mamma giovane c’è sempre qualcuno che ti guarda e dice “Ma quanti anni hai?!?” e quando aggiungi che di figlie ne hai 3 continua con “Sei pazza!”.
Quando sei una Mamma giovane molti non capiscono le tue scelte.
Quando sei una Mamma giovane difficilmente le Mamme dei compagni di asilo di tua figlia maggiore avranno la tua età.
Non riesci a vedere le tue amiche. Orari, abitudini e priorità diversi; un figlio ti fa vedere tutto sotto un’altra luce, figuriamoci tre.
Quando sei una Mamma giovane lo status di Mamma, con la maiuscola, non è immediato, te lo devi guadagnare.
Quando sei una mamma giovane cerchi di darti un tono alle prime riunioni dei genitori a scuola: non ci vai con le converse o con le ballerine disegnate.
Poi ti svegli e te ne freghi: io sono così, nel bene e nel male.
Sono una brava mamma ma a volte no, gioco con le mie figlie, ma a volte non ne ho voglia e questo credo valga a tutte le età.
E poi… queste sono le più belle ballerine che io abbia mai avuto mica posso lasciarle nella scarpiera! 😉

20121119-103601.jpg

Annunci

Mi piace vs Non mi piace

1 Nov

Mi piacciono le infermiere che sorridono a mia figlia e la guardano con occhi gentili facendola giocare.
L’alba che filtra dalla finestra di questa stanza di ospedale.
Non dover preparare la cena.
Non dover disinfettare l’aerosol.
La saturazione dell’ossigeno della Piccola sopra il 97.
La voce delle Maggiori mentre mi dicono “Ti voglio bene e ti adoro” al telefono.

Non mi piace dover rincorrere le tacche della rete per la camera.
Poter vedere mio Marito 30 minuti al giorno.
Le infermiere scontrose che faticano a fare il loro lavoro anche se glielo chiedi col sorriso chiedendo scusa per il disturbo e perfavore.
Le infermiere che puzzano di fumo (blaeh!).
La saturazione sotto il 95.
Non vedere le Maggiori.

Ragazzini a chi?!

22 Ott

Sabato siamo andati a fare un giro nella nostra futura Città, perché in fondo la campagna circondata da solo campagna con appendice automobile attaccata al di dietro ci aveva anche un po’ stancato.
Non è una vera e propria Città, diciamo una via di mezzo (finalmente!), un posto con servizi di tutto rispetto, ma a portata di famiglia dove una maniaca del controllo premurosa madre come me potrà sapere chi sono i genitori degli amici delle figlie adolescenti e lasciarle uscire senza dover assumere massicce dosi di valeriana.
Chiamiamola Vivace Cittadina Terremotata, eh sì, perché è uno di quei posti che il terremoto l’ha passato in pieno, dove il centro è ancora in parte chiuso e molti negozi sono tuttora in container.
Molti pensano che siamo pazzi ad andare a vivere in un posto ferito così nel profondo, ma è proprio quello che ci ha convinto: lì quello che doveva crollare è crollato, scuole comprese, quindi stanno ricostruendo tutto antisismico.
Poi parliamoci chiaro, una Vivace Cittadina anche se terremotata offre sempre di più di una frazione di 1200 abitanti a 15 km dal comune di riferimento!
A maggio la nostra casa sarà pronta e nel frattempo andiamo là i fine settimana per familiarizzare con il posto in modo che le bimbe inizino a sentirlo loro.
Gironzolando per le vie aperte del centro abbiamo incontrato una coppia, lei lavorava in banca nel paese dove viviamo ora quindi conosce bene sia me che mia madre (della quale per altro ha la stessa età); ha un figlio quasi coetaneo della Grande, quindi tutte le volte che mi vedeva sottolineava il fatto che lei era appena diventata Mamma e mia Madre Nonna.
Il tutto senza giudizi, ridendoci su, buttandola sul “ma guarda come è vario il mondo”.
Ecco sabato con lei c’era il marito, uno di quelli che ti chiede “Ma sono vostre?!” facendoti credere che ti aveva scambiato per la baby sitter.

Tu, tu che ci incontri e guardando noi e le nostre figlie esclami “Ma quanti anni avete voi?! Siete due ragazzini!”
Io non ti giudico per aver figliato over 40, ma tu non darci dei ragazzini perché la tua scelta è diversa dalla nostra; bada bene non dico migliore, dico diversa.
Non darci dei ragazzini perché abbiamo già 3 figlie in un’età che è giudicata precoce dalla società, ma è biologicamente perfetta.
Non darci dei ragazzini con quel tono che sembra voler dire che non abbiamo i requisiti per essere dei genitori, non lo sai, non è l’anno di nascita che fa diventare bravo un genitore.
Tu che hai un figlio grande poco più della Grande, ma che hai l’età di mio Padre, stai attento, perché la prossima volta che ti incontro potrei anche chiederti “Come sta tuo nipote?”

Scuola: le sorprese non finiscono mai

4 Ott

Ecco il 24 inizio scuola materna, pardon, dell’infanzia, con una settimana di ritardo causa adeguamenti strutturali dopo il terremoto (perché si sa, dal 20 maggio ad oggi mica ci sono stati 4 mesi per fare i lavori…facciamoli all’ultimo e lasciamo l’ebrezza ai genitori di non sapere fino a 2 giorni prima quando inizierà la scuola!); quest’anno inizia anche la Media, ma come anticipataria (è di gennaio), nessun problema mi dissero a febbraio al momento dell’iscrizione (nota bene, loro mi mandarono a casa una lettera informativa che diceva che essendo nata prima del 30 aprile potevo già iscriverla, allora perché no, è pure con la sorella!).
Ma, perché in ogni storia che si rispetti c’è un “ma”, 2 giorni prima dell’inizio dell’anno alla riunione di inizio la maestra con nonchalance mi dice “Ah, probabilmente la Media dovrà iniziare a gennaio al compimento dei 3 anni” COSA?!?
E me lo dici 2 giorni prima?? NO, NO, NO!
Io ho bisogno della scuola, sono 4 mesi che le ho a casa con me, ed è vero che “me le sono fatta e me le tengo”, ma mica credevo che le estati sarebbero state così lunghe e solitarie! Nessuno mi aveva informato che un terremoto mi avrebbe guastato i programmi! Come dite? “Se leggevo l’asterisco in fondo al contratto di genitore, quello scritto in microscopico avrei scoperto che gli imprevisti con un figlio, figurati con 3, sono all’ordine del giorno, astenersi maniaci del controllo?? Ah!”
Chiamo inviperita la segreteria di sabato mattina (che queste notizie mica possono dartele ad orari lavorativi normali, se no hai diritto di replica e non vale) dopo aver cercato in internet le leggi di riferimento, cito date, anni, modifiche e precedenti (tra cui la Grande che è di febbraio!) e ricordo loro che all’atto dell’iscrizione mi risposero “Certo signora, nessun problema, inizierà a settembre” (promemoria: ricordarsi di portare un registratore audio alle prossime iscrizioni scolastiche).
La segretaria ascolta e subisce la mia sfuriata stile soap opera senza fiatare (che classe, davvero) e risponde calma e gentilissima (ecco, ora mi sento uno schifo per averli insultati!) che la preside non c’è, quindi il lunedì la Media non avrebbe potuto iniziare, ma mi avrebbe richiamato il prima possibile per darmi notizie.
Lunedì accompagno la Grande a scuola e al ritorno mi dicono che il giorno dopo la Media può iniziare (ola per me ragazzi!). Inserimento durato…2 minuti? Con la Grande si sente al sicuro e già dopo 2 giorni me la tengono per pranzo!
A casa un bel pranzetto a 3 “Amore, ma ti ricordi quando eravamo solo così? Solo noi 2 e una nana?” “Ma chi?? Noi?? Ma va, mai successo, guarda che ti sbagli!”, le andiamo a prendere nella stessa scuola, loro cariche e io più rilassata..Ah! Che pacchia!
ALT! ERRORE! ABBASSAMENTO LIVELLI DI ATTENZIONE! CATACLISMA DIETRO L’ANGOLO!
Notte da incubo, la Piccola si ammala e fa una nottata in bianco (io con lei ovviamente) causa mega raffreddore e febbriciattola seguiti a ruota da asma come solito: e via con gli aerosol!
Le altre 2 la seguono a ruota e io pure e fu così che da lunedì loro sono a casa malate e io ho la goccia perenne al naso…
Ma questo è tutto un altro post…

Nascere a Mirandola, una scelta naturale

Nascere a Mirandola: una scelta naturale

E se mamma…

Mamme si diventa, ma in fondo al nostro cuore lo siamo sempre state!

Diario di una trimamma

Mamme si diventa, ma in fondo al nostro cuore lo siamo sempre state!

firmatocarla

Mamme si diventa, ma in fondo al nostro cuore lo siamo sempre state!

playgroundaroundthecorner

Italy with kids: stop at the playground

Mamma 360

Mamme si diventa, ma in fondo al nostro cuore lo siamo sempre state!

mamma fatta così

Mamme si diventa, ma in fondo al nostro cuore lo siamo sempre state!

Non chiamarla solitudine, la voce del silenzio

Liriche, incipit di romanzi, perle di (im)probabile saggezza

Robyberta SmileMaker

MakeUp_Fashion Blog_Life_Obsession

L'angolino di Ale

Mamme si diventa, ma in fondo al nostro cuore lo siamo sempre state!

Instamamme

Mamme si diventa, ma in fondo al nostro cuore lo siamo sempre state!

agriturismocortepalazzina

Just another WordPress.com site

Sognando Cupcake

quando la dolcezza incontra la fotografia

VOLEVO FARE LA ROCKSTAR

Mamme si diventa, ma in fondo al nostro cuore lo siamo sempre state!

E voi? Figli niente?

Mamme si diventa, ma in fondo al nostro cuore lo siamo sempre state!

smemomamma

Mamme si diventa, ma in fondo al nostro cuore lo siamo sempre state!

Ricomincio da quattro

il blog di Adriana

50 sfumature di mamma

Mamme si diventa, ma in fondo al nostro cuore lo siamo sempre state!

Goligoli.it

Mamme si diventa, ma in fondo al nostro cuore lo siamo sempre state!

La Terremo-mamma, una mamma terremotata

Mamme si diventa, ma in fondo al nostro cuore lo siamo sempre state!

io imparo con la felicità

Mamme si diventa, ma in fondo al nostro cuore lo siamo sempre state!

Marco Bianchi

I Magnifici 20 in Cucina

Ma Che Davvero?

Mamme si diventa, ma in fondo al nostro cuore lo siamo sempre state!

Blog di cucina di Aria

Mamme si diventa, ma in fondo al nostro cuore lo siamo sempre state!

mammagari

Mamme si diventa, ma in fondo al nostro cuore lo siamo sempre state!

Mamme si diventa, ma in fondo al nostro cuore lo siamo sempre state!

Bendix – Il blog di Lia Celi

Mamme si diventa, ma in fondo al nostro cuore lo siamo sempre state!

1000 Awesome Things

A time-ticking countdown of 1000 awesome things by Neil Pasricha

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: